Avete un problema e dovete scegliere un’agenzia investigativa o un investigatore privato a cui affidarvi per risolverlo?

Il mercato delle agenzie investigative è davvero molto variegato; la maggior parte è generalmente “settorializzata” e poco strutturata.

Invece, quelle che hanno un’organizzazione articolata riescono a diversificare i propri settori di intervento, risultando efficaci ed efficienti in molteplici circostanze.

Tale fattore risulta molto importante soprattutto sotto l’aspetto della protezione delle informazioni, in quanto – affidandosi a una sola realtà fortemente strutturata – si evitano rischi legati alla fuga di notizie.

Come deve essere strutturata un’agenzia?

Un’agenzia investigativa strutturata deve essere costituita da una compagine operativa e gestionale di professionisti che possano dimostrare la propria competenza; il titolo più attendibile che rende il professionista assolutamente affidabile è rappresentato dalla provenienza dalle Forze dell’Ordine.

Risulta rilevante anche la frequenza a corsi di perfezionamento e aggiornamento sulle tecniche di indagine.

Un altro elemento determinante è caratterizzato dai contatti e dalle fonti di informazione dislocate nel territorio; più queste reti di contatto sono estese a livello nazionale e internazionale, più lo spessore dell’agenzia sarà considerevole.

Come scegliere l’agenzia giusta?

Il cliente non deve farsi abbagliare dai prezzi elevati, in quanto la richiesta di un alto compenso non sempre equivale a un servizio qualitativamente di eccellenza; ci sono agenzie molto care ma poco efficienti, oppure molto pubblicizzate ma poco capaci o, al contrario, agenzie per niente pubblicizzate ma molto capaci e professionali.

L’efficienza e l’efficacia di un’agenzia investigativa si misura anche attraverso un lavoro di squadra, soprattutto se l’indagine risulta estesa.

In definitiva, i dati oggettivi da cui partire per la scelta sono i seguenti:

È importante affidarsi a un investigatore privato titolare di licenza prefettizia, investigatori privati che si comportino con trasparenza e disponibilità a fornire un preventivo o una consulenza gratuita;

All’atto dell’accettazione del preventivo, gli investigatori privati devono farvi firmare un conferimento d’incarico che li autorizzi allo svolgimento dell’attività d’indagine (non si lavora senza conferimento, è vietato dalla legge);

Diffidate di investigatori privati o delle agenzie che asseriscono di poter effettuare indagini illegali.

Investigatore privato? A voi la scelta!

Chiudi il menu
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: