Qualora sospetti di infedeltà coniugale è possibile sorvegliare il marito o sorvegliare la moglie?

SI  è possibile sorvegliare il proprio marito o sorvegliare la propria moglie in quanto il coniuge ha il diritto, attraverso l’utilizzo dell’agenzia investigativa autorizzata dalla Prefettura, di raccogliere fonti di prova finalizzate a far valere un proprio diritto in sede giudiziaria ai fini di una separazione con addebito di colpa.

Durante la sorveglianza del marito o della moglie l’agenzia investigativa rileverà tutte le condotte, i comportamenti e le situazioni che possono essere lesive dell’onore del coniuge e della famiglia e che possono destabilizzare il nucleo familiare.

Sorvegliare il marito o sorvegliare la moglie mediante un servizio investigativo che deve essere svolto nel rispetto delle normative vigenti, non costituisce violazione della privacy.

La sorveglianza del coniuge, nel limite della normativa vigente, è lecita.

Per consulenze riguardanti i servizi di sorveglianza chiamate Phersei investigazioni.


[pt_view id=”b786c1f5sx”]